Riggio propone la privatizzazione dello scalo di Comiso


Vito Riggio è stato in visita, nei giorni scorsi, nello scalo aeroportuale ibleo di Comiso. Il volo proveniennte da Roma Ciampino è atterrato con il presidente dell'ENAC in orario. Il èpresidente Riggio visitando l'aeroporto di Comiso si è soffermato sulla necessità di privatizzare lo scalo in un prossimo futuro.
Le attuali dimensioni dell'aeroporto di Comiso non permetterà uno sviluppo maggiore di oltre 600 mila passeggeri l'anno, sempre secondo l'opinione di Riggio. All'incontro erano presenti inoltre gli amministratori dell'aeroporto tra i quali il presidente di Soaco, Rosario Dibennardo, l'ad, Enzo Taverniti,
Maria Malandrino, del cda, il caposcalo Orazio Santonocito, il responsabile handling, Elio Auteri, il responsabile della sicurezza nell'aeroporto, Salvo Scuderi.
Provenienti da Catania anche il responsabile Enac di CT, Enzo Fusco.

Vito Riggio si è soffermato sul fatto che l'aeroporto di Comiso insieme a quello di Bologna sono gli unici scali nei quiali non si è ancora avviata la privatizzazione. Viste le doimensioni e l'attuale traffico passeggeri ed aereo, lo scalo di Comiso protrà avviare tale privatizzazione ma solo insieme allo scalo di Catania.
Lo scalo di Comiso chiede sovvenzioni e sostegno economico alla regione Sicilia per alcuni servizi, come l'assistenza volo, che non riesce a sostenere da sola, bene questi servizio possono essere ceduti e privatizzati, questo secondo la visione del presidente ENAC.

Taverniti e Dibennardo hanno comunicato in conferenza stampa: "Abbiamo illustrato nel dettaglio al presidente Riggio i piani di sviluppo per il futuro dell’aeroporto, spiegando tutto quello che a nostro avviso è da perfezionare e ampliare di una struttura destinata a sostenere nei prossimi anni dei ritmi di crescita che sicuramente saranno ragguardevoli. ....... Considerato come ormai il Magliocco sia uno degli alternati di Fontanarossa, è bene adeguarsi e attrezzarsi per sfide sempre più difficili, ma che certo non ci spaventano".



Voli dirottati a Comiso per chiusura Catania

Nessun commento:

Posta un commento